Crea sito
Emozioni e Riflessioni

Vivere con il cuore spezzato è come respirare a pezzi

Vivere con il cuore spezzato è come camminare nudi, con un’anima mezza vuota e annodata da una corda che appartiene ancora a un’altra persona. È una tortura lenta che soffoca e fa male, tuttavia, nessun dolore è eterno.

Dicono che è il tempo che guarisce il cuore spezzato, le offese e le delusioni. Tuttavia, non solo il passare dei giorni sarà un buon alleato, il nostro coraggio e la nostra forza interiore saranno quelli che ci guideranno a poco a poco in modo che la ferita faccia un pò meno male.

Vivere con il cuore spezzato non uccide nessuno, ma ci sono molte cose che muoiono dentro di noi. Tuttavia, nessuno merita la sofferenza eterna, ma un respiro con cui rivivere ancora ritrovando noi stessi.

La ferita emotiva causata da un amore che non poteva essere, o un amore che è stato e svanito, è senza dubbio uno degli eventi più traumatici che può essere vissuto dall’essere umano.

Siamo immobilizzati perché i nostri valori sono infranti, perché le illusioni svaniscono e perché dobbiamo raccogliere pezzo per pezzo un’autostima che è stata spesso frammentata. Il processo di successiva guarigione è lento e delicato.

Un cuore spezzato richiede di sigillare i suoi frammenti in oro

A volte un osso rotto richiede meno tempo per guarire di un cuore spezzato. Ora, poiché tutte le ferite da guarire richiedono volontà e soprattutto la capacità di presumere che non saremo più gli stessi. Che stiamo per uscire da questo processo rafforzato, che saremo resilienti e otterremo un’esperienza di apprendimento.

Metti da parte ciò che senti e ricorda ciò che meriti

Sappiamo che un cuore spezzato non può essere riparato con l’oro, ma con il lampo intenso delle tue emozioni che combattono per accendere nuove illusioni, per guarire i sogni perduti e svegliarsi con nuove, più intense, con radici più profonde.

A volte siamo così forti che arriviamo ad amare quelli che non ci meritano perchè sentiamo il bisogno di rimettere insieme i pezzi. Non permetterlo, lascia da parte ciò che senti e ricorda ciò che meriti. Ricorda che l’amore è gioia e non sofferenza.

In realtà non è un processo semplice. Emergere dalle lacrime e dalle ceneri di quella vita che sogniamo e non raggiungiamo non è sempre facile, ma non difficile nè impossibile. Al contrario, infatti, arriverà un momento in cui ti sentirai orgoglioso di te stesso, per essere diventato la persona che volevi veramente essere: qualcuno libero dalla sofferenza.

Odi et Amo