Crea sito

Una bambina di 8 anni si reca in farmacia con una richiesta molto particolare…

A volte il destino è davvero difficile da spiegare, come dimostra la storia di Tess che ha comprato per pochi dollari un miracolo per il fratellino.

Tess è un’allegra bimba di 8 anni che vive negli Stati Uniti con mamma, papà e il fratello Andrew. Sono, in generale, una famiglia felice. Un giorno Tess sente parlare i suoi genitori a voce bassa del fratellino. La ragazzina sa che il bimbo è gravemente malato e che i due hanno dato fondo a tutti i risparmi per curarlo. Hanno anche già pianificato di spostarsi in un piccolo appartamento, per potersi permettere sia l’affitto sia le parcelle dei medici.

L’unico modo per salvare Andrew è sottoporlo a una costosissima operazione. Tess sente dire al padre:

“Solo un miracolo potrebbe salvare Andrew a questo punto”.

Ed è in quel momento che alla piccola viene un’idea. Tess corre in camera sua e prende il salvadanaio. Raccoglie tutti i soldi e li conta attentamente, una, due, tre volte, per essere sicura. Li rimette al sicuro ed esce, in punta di piedi, dalla porta del retro con il suo tesoro tra le mani.

Cammina per ben sei isolati, prima di raggiungere la farmacia. Aspetta pazientemente il suo turno, ma il farmacista è impegnato in una fitta conversazione con un altro cliente e non nota la piccola, neanche quando lei si mette in punta di piedi o fa qualche colpo di tosse per attirare l’attenzione degli adulti. Le cose cambiano quando Tess poggia qualche moneta sul bancone, a quel punto l’uomo la guarda.

Infastidito, chiede: “Cosa vuoi?

Sto parlando con mio fratello che non vedo da anni”.

Tess risponde prontamente: “Anche io ho un fratello ed è gravemente malato. Voglio comprare un miracolo per lui”. L’uomo appare confuso, per cui la bimba gli spiega:”Mio fratello si chiama Andrew e ha qualcosa di molto brutto che gli cresce in testa. Mio papà dice che solo un miracolo può salvarlo. E io voglio sapere quanto costa!”.

“Piccola, mi dispiace, ma non vendiamo miracoli qui”, le risponde il farmacista con un tono dolce. “Purtroppo non posso aiutarti”.

Tess risponde: “Per favore, ho i soldi, se non sono abbastanza ne troverò degli altri. Dimmi il prezzo”. A questo punto il fratello del farmacista interviene e chiede che tipo di miracolo serva ad Andrew. “Non lo so”, ammette la bambina. “Ma ha bisogno di un’operazione e mio papà non se la può permettere, per cui voglio occuparmene io”. E con impazienza mostra il salvadanaio.

L’uomo le chiede quanti soldi ha. “Un dollaro e undici centesimi” dice Tess. “Questo è tutto quello che ho”. L’adulto a quel punto sorride, “Che coincidenza, è proprio il prezzo del miracolo che serve al tuo fratellino”. Prende i soldi e aiuta la bambina a tornare a casa.

Una volta lì, la famiglia scopre che l’uomo è un noto neurochirurgo, il quale si dice disponibile a operare Andrew gratuitamente, salvandogli così la vita.

I genitori sono senza parole, e si chiedono quale sia il costo reale dell’operazione.  Ma Tess, che sorride tra sé e sé, lo sa con esattezza: costa 1.11$.

Che destino! Tess ha seguito il suo istinto ed è stata guidata nel posto giusto. Il piccolo Andrew adesso sta molto meglio e la sorella è sicura: i miracoli esistono.

Fonte: http://www.perdavvero.com/tess/