Crea sito
Emozioni e Riflessioni

Se devi perdere te stessa per star bene con il partner, stai con la persona sbagliata!

Le relazioni all’inizio tendono a mostrarci il loro volto più gentile, ognuno si mostra nel modo che considera più attraente per l’altro. Tuttavia, col passare del tempo, le maschere cadono e ogni persona mostra ciò che è realmente, e iniziano a sorgere i primi problemi.

Ovviamente non dobbiamo sperare che nella perfezione, che una relazione non necessita di aggiustamenti, ma dovremmo puntare sul fatto che noi dobbiamo fare il possibile per far funzionare le cose.

Nessuna persona che abbia buoni sentimenti nei confronti di qualcuno, farà finta che si perda per soddisfare le richieste degli altri. E nessuno che ama se stesso dovrebbe essere disposto a dare qualcosa al di là di ciò che i confini che preservano la sua essenza stabiliscono.

A volte tutto accade così velocemente, che non ci rendiamo conto in quale momento iniziamo a perdere noi stessi, sappiamo solo che smettiamo di essere noi stessi, non ci sentiamo identificati con ciò che è risultato dal nostro essere, ci guardiamo allo specchio e non lo facciamo. Non riconosciamo quella persona. Quello che ricordiamo nel migliore dei casi è che abbiamo avuto una vita, che non avevamo bisogno di nessuno, che ci siamo sentiti almeno noi stessi, prima di iniziare a lasciare gli spazi, prima di adattarci a ciò che il nostro partner voleva, prima di tagliare le nostre ali in modo che non si intromettessero.

Ma l’importante è rendersi conto di ciò che abbiamo perso guadagnando spazio nella vita di qualcun altro, che se questo è accaduto, non è altro che un indicatore che non siamo stati messi in relazione con la persona che è più vantaggiosa per Noi, anche se dobbiamo riconoscere che è servito come strumento per misurare i parametri di ciò che permettiamo agli altri in relazione alle nostre vite, per riconoscere le priorità e persino per riscoprire una versione rafforzata di noi stessi. Dopotutto, ogni persona che incrocia il nostro percorso, dobbiamo crescere, quindi onoriamo l’apprendimento e andiamo avanti.